Read Le crime du comte Neville by Amélie Nothomb Free Online


Ebook Le crime du comte Neville by Amélie Nothomb read! Book Title: Le crime du comte Neville
The author of the book: Amélie Nothomb
Loaded: 2292 times
Reader ratings: 7.5
Edition: Livre de Poche
Date of issue: January 4th 2017
ISBN: 225307067X
ISBN 13: 9782253070672
Language: English
Format files: PDF
The size of the: 8.58 MB
City - Country: No data

Read full description of the books:



"Uccidere un invitato in un momento di collera è un gesto di una certa classe. È chic. L'assassinio premeditato di un invitato è la dimostrazione, incredibilmente volgare, che non si conosce l'arte di ricevere."

Ricevere è un'arte e ricevere bene è qualcosa di innato, un talento come sa bene il conte Neville, protagonista di questo racconto lungo o fiaba moderna. Antico maniero belga, un conte amabile, bonario e oberato di debiti, la sua famigliola composta da moglie bella e comprensiva per le sciagure economiche del coniuge e conseguenti ristrettezze davvero insospettabili, un figlio e una figlia ineccepibilmente comme il faut dai nomi di tragedie greche (Oreste, Elettra), più una figlia minore, la fanciulla soggetta ad incantamento potremmo dire, dal nome enigmatico e appropriatissimo di Siléncieuse, bambina intelligentissima, problematica, affetta da un mal de vivre devastante contro cui lotta e cerca soluzioni. Come in ogni favola che si rispetti non manca l' elemento magico, in questo caso sarebbe una predizione che è stata rivelata al conte suo malgrado, insomma, non sollecitata da una veggente rompiscatole la quale, dimostrando un' assoluta mancanza di educazione telefona anche al conte in persona per ricordargli il suo appuntamento col destino. L'elemento surreale e ricco di humor è, in effetti, uno dei pregi del breve teso, insieme a una leggera satira verso un certo ambiente, che è poi quello dell'autrice, non in estinzione ma certo in profonda trasformazione da almeno un paio di secoli. Durante l'ultimo garden party al castello, prima della inevitabile vendita, il conte ucciderà un invitato. Che lo tenga bene a mente!

Il povero – in canna - gentiluomo lo tiene a mente e cuore, vive l'Inferno in terra cercando di adempiere al suo destino nel modo più efficace e inoffensivo possibile, coaudivato in ciò nella sua figlia più cupa e davvero poco silenziosa; tutta la vicenda ruota intorno a questa rivelazione ed è brava l'autrice a rendere il racconto denso di tematiche profonde ma trattate con stile apparentemente lieve: l'importanza delle apparenze nella società, l'età difficile dell'adolescenza, il senso di vuoto che spesso accompagna questi anni, il rapporto padre-figlia che qui è ben più di un confronto generazionale, ma è un vero redde rationem sociale (Ti detesto perché incarni una nobiltà che non ha più corso. E ti voglio bene per la stessa ragione. A causa tua ho creduto che gli adulti ti somigliassero. Ho pagato caro il mio errore).
Non ultimo il prezzo da pagare all'onestà - è a causa della sua onestà che il povero conte è rovinato, cioè costretto a viver solo del suo lavoro di organizzatore di garden party per l'alta società e a vivere in una modesta dépendance del suo castello - in un mondo di straricchi e gaudenti disonesti.
Il non facile compito di trattare argomenti così complessi, come il destino (Non hai ancora capito che non hai scelta, papà. È questo il tuo destino. Morirai colpevole, come tutti) o il senso dell'aristocrazia oggigiorno (Essere nobili, figlio mio, non significa che si hanno più diritti degli altri. Significa che si hanno molti più doveri) o lo spleen inestinguibile che non lascia scampo, la funzione salvifica dell'Arte e della musica in particolare, è risolto dalla Nothomb con l'uso dei dialoghi, cosa in cui avevo letto in giro che eccelle, ed ho constatato che è decisamente vero. Moltissimo l'autrice ha attinto alla sua autobiografia, anche in questo libro, quella qui descritta sembra proprio la sua famiglia e la piccola Siléncieuse ha riconoscibilissimi tratti autobiografici.
Evidenti anche gli echi letterari che si individuano, un paio espressamente dichiarati (Eschilo e Oscar Wilde, al cui racconto «Il delitto di Lord Arthur Savile» si ispira al presente testo), nel tema romantico del Destino a me pare di scorgere anche echi di von Kleist (Micheal Koohlas), chissà se costui riecheggiava anche nella memoria letteraria della Nothomb, la quale a me ricorda molto lo scrittore inglese, per l'appunto. Molto gradevole questo primo libro che leggo dell'autrice belga, pur nella sua stringatezza non riesco a trovargli un difetto, chissà che bel libro ne sarebbe scaturito se la più oscarwilderiana scrittrice in circolazione avesse approfondito.


Download Le crime du comte Neville PDF Le crime du comte Neville PDF
Download Le crime du comte Neville ERUB Le crime du comte Neville PDF
Download Le crime du comte Neville DOC Le crime du comte Neville PDF
Download Le crime du comte Neville TXT Le crime du comte Neville PDF



Read information about the author

Ebook Le crime du comte Neville read Online! Amélie Nothomb, born Fabienne Claire Nothomb, was born in Etterbeek, Belgium on 9 July 1966, to Belgian diplomats. Although Nothomb claims to have been born in Japan, she actually began living in Japan at the age of two until she was five years old. Subsequently, she lived in China, New York, Bangladesh, Burma, the United Kingdom (Coventry) and Laos.
She is from a distinguished Belgian political family; she is notably the grand-niece of Charles-Ferdinand Nothomb, a Belgian foreign minister (1980-1981). Her first novel, Hygiène de l'assassin, was published in 1992. Since then, she has published approximately one novel per year with a.o. Les Catilinaires (1995), Stupeur Et Tremblements (1999) and Métaphysique des tubes (2000).
She has been awarded numerous prizes, including the 1999 Grand Prix du roman de l'Académie française; the Prix René-Fallet; and twice the Prix Alain-Fournier.
While in Japan, she attended a local school and learned Japanese. When she was five the family moved to China. "Quitter le Japon fut pour moi un arrachement" ("Leaving Japan was a wrenching separation for me") she writes in Fear and Trembling. Nothomb moved often, and did not live in Europe until she was 17, when she moved to Brussels. There, she reportedly felt as much a stranger as everywhere else. She studied philology at the Université Libre de Bruxelles. After some family tensions, she returned to Japan to work in a big Japanese company in Tokyo. Her experience of this time is told in Fear and Trembling. She has written a romanticized biography (Robert des noms propres) for the French female singer RoBERT in 2002 and during the period 2000-2002 she wrote the lyrics for nine tracks of the same artist. Many ideas inserted in her books come from the conversations she had with an Italian man, from late eighties and during the nineties. She used the French Minitel, while he used the Italian Videotel system, connected with the French one. They never met personally.

Source: Wikipedia


Reviews of the Le crime du comte Neville


THEODORE

This book is holding in tensions until the end!

JENSON

One of my favorite

LACEY

One breath reads!

ISAAC

A book that leaves a whole bunch of emotions after reading

MARIA

An interesting book, not like the other




Add a comment




Download EBOOK Le crime du comte Neville by Amélie Nothomb Online free

PDF: le-crime-du-comte-neville.pdf Le crime du comte Neville PDF
ERUB: le-crime-du-comte-neville.epub Le crime du comte Neville ERUB
DOC: le-crime-du-comte-neville.doc Le crime du comte Neville DOC
TXT: le-crime-du-comte-neville.txt Le crime du comte Neville TXT